Design e traduzione: interculturalità, contaminazioni e connessioni in movimento…

Cosa hanno in comune Design e Traduzione? Se lo domandate a noi, la risposta viene facile. Tutto, perché da anni traduciamo la comunicazione del Fuori Salone e respiriamo tutta l’arte, creatività e passione di professionisti e appassionati di design e architettura che ne sono protagonisti.

Ma se la riflessione è anche alla base di un incontro appassionato e inedito con C. Alessi, G. Baule e F. Cavagnoli, allora abbiamo fatto proprio centro. Una tesi forte, decisa e molto affascinante quella che è stata avanzata in “Design e Traduzione. Proposte per un manifesto”  tenutosi presso il Laboratorio Formentini all’interno della Design City Week di qualche mese fa e che vi riproponiamo ora che siamo alle porte dei grandi eventi legati a questo tema: la figura del designer emerge come quella di un mediatore, capace di gettare ponti tra culture, tecniche, discipline.

E come non identificarsi? Da anni in Opitrad cerchiamo di guardare oltre la traduzione tradizionale tra lingue diverse in favore di una dimensione più…interculturale. Parola d’ordine: transcreazione!

“Design è creare!”

La proposta di un manifesto, che arriva dal prof. Baule, anche docente di Design di Comunicazione, parte da un assunto che ci piace molto. Il Design della Comunicazione pratica passaggi tra supporti e media e trasferimenti di linguaggi espressivi. Anche la Traduzione è passaggio fra culture diverse.

Il manifesto si riassume in 11 punti:design e traduzione - Opitrad

  1. Il Design è Traduzione
  2. Design Studies e Translation Studies convergono fra loro
  3. Con la Traduzione il Design si apre ad altri mondi
  4. Come la Traduzione, il Design è mediazione
  5. Il Design si alimenta di una propria sensibilità traduttiva
  6. Come la Traduzione, il Design lavora sui confini delle discipline
  7. Con la Traduzione il Design rafforza la propria vocazione critica e riflessiva
  8. L’Etica nei Design Studies e Translation Studies
  9. Il Design è traduttivo nell’accesso ai contenuti, ai prodotti, agli spazi
  10. Dalle Culture del Design e dalle Culture della Traduzione nasce un’attitudine di profilo
  11. Design è Traduzione nell’area del Design della comunicazione

Ma se cercassimo un’alternativa italiana al termine Design? Impossibile da tradurre, ma di una cosa è certa Franca Cavagnoli:

“Design non è Designare, è Creare!”

E se lo suggerisce una vera autorità nel suo campo – scrittrice, saggista e traduttrice letteraria di respiro internazionale- dobbiamo proprio crederci.

Intanto noi continuiamo a tradurre il Design e la sua interculturalità. #OPIDESIGN.